Italian English
Racconti

Racconti (141)

Racconti (Categorie)

Venerdì, 28 Maggio 2004 17:22

Amori immaginati (Nuova Versione) - 3 Parte -

Scritto da
Ci vuole del coraggio anche per comandare. Gli ordinai di andare in ginocchio da Anna, sfilarle la scarpa e leccarle i piedi. Mi ubbidì. Lo obbligai a guardarla negli occhi prima di farlo. Ubbidì ancora...
Venerdì, 14 Maggio 2004 19:02

Amori immaginati (Nuova Versione) - 2 Parte -

Scritto da
Mi tiri per un braccio sul pavimento. Sento che mi frughi. La tua mano si ferma. Mi accorgo di essermi bagnato, nel sonno... Non dovevo lo so. Queste cose le decidi tu. Attendo l’inevitabile. Desiderato inevitabile. Il tuo corpo su di me. Il tuo odore. Per farmi del male finché non ne avrei potuto più. Il dolore per i colpi della notte si e’ un poco attenuato. Ora di sicuro lo avrei ritrovato...
Venerdì, 07 Maggio 2004 17:49

Amori immaginati (Nuova Versione)

Scritto da
Sento la tua traspirazione. Te ne accorgi. Mi togli le cose di dosso senza ridere, solo una smorfia sulle labbra. Hai fumato, sento il tuo respiro. Non ho più niente addosso. Mi leghi. Con la mia cinta le mani e stringi più che puoi. Dolore ai polsi. Ti togli la giacca. Cominci a picchiarmi, mi insulti...
Venerdì, 23 Aprile 2004 21:41

Submission da Noanda

Scritto da
Un bellissimo pezzo scritto da Noanda e pubblicato sul suo sito, ora proposto da Tribune.
La paura di essere aberrante perchè adori essere frustato, o maltrattato, le tue piccole divagazioni sessuali ti rendono protagonista, per una notte, ti fanno sentire vivo. Ti aiutano a superare lo lo scoglio della coscienza sociale. E trovi qualcuno anche per te. Che ti voglia per quello che sei. Per il quale non devi rinunciare, non devi scendere a compromessi...
Venerdì, 23 Aprile 2004 20:46

48 ore

Scritto da
La mia mente era in balia di un uomo che non volevo sapere neppure chi fosse, volevo essere semplicemente sua. “Entra e siedi lì” – Mi indicò la sedia, poi seguì una lunga pausa silenziosa, quindi aggiunse. “Non dire nulla, resta in silenzio!” - Non fiatai, ma pensai che...
Venerdì, 09 Aprile 2004 19:04

Il collare

Scritto da
Non indosso nient'altro e in un secondo sono rimasta in calze e giarrettiere tra le tue braccia. Poi ho sollevato una gamba e l'ho piegata dietro ai tuoi fianchi. Voglio sentirti più in fondo, voglio essere colmata...
Sabato, 27 Marzo 2004 13:31

Vacanze al sud - Parte 2 -

Scritto da
Le prendo le caviglie e la spingo avanti e indietro mentre lei ride, finchè i suoi piedi cominciano a darsi la spinta sul mio petto. Mi abbasso ed ecco che ora si danno la spinta sulla mia faccia. Lei se ne accorge e mi sorride. Si ferma. Le do un bacio sotto la pianta...
Venerdì, 26 Marzo 2004 20:32

Sul ciglio del tuo baratro

Scritto da
Ora è più difficile non guardarmi. Sai che così non mi basta. Odio i tuoi limiti. Non è il mio piacere che deve decidere? E mie occhi diventano duri, come i piedi che cercano la tua bocca...
Venerdì, 19 Marzo 2004 21:18

Vacanze al sud - Parte 1 -

Scritto da
Luisa dice che Gaia si è molto divertita a calpestarti e che quando è rimasta seduta a cavalcioni su di te si sentiva molto bene interiormente. Anche dopo che te la sei tenuta in braccio per qualche minuto. La cosa assurda è che Luisa mi aveva detto veramente quelle cose. Quindi lui aveva veramente buone possibilità con Gaia. Il tachimetro ora segnava centonovanta...
Venerdì, 12 Marzo 2004 21:51

Sabato

Scritto da
Adesso giaccio a quattro zampe, la testa schiacciata in terra dal Suo piede nudo, meraviglioso. Il mio culetto è esposto, sollevato, verso chissà chi, verso chissà cosa. Sento la pressione sulla mia testa farsi sempre più leggera ed infine scomparire. La sento muoversi intorno a me. Non vedo cosa fa, ma lo intuisco e lo spero. Ad un tratto, uno schiaffo imperioso mi fa trasalire dal dolore.
Layouts
Colors