Italian English
Racconti

Racconti (141)

Racconti (Categorie)

Sabato, 24 Gennaio 2004 11:44

ChiarA&MarcO

Scritto da
Chiara non udì quei pensieri, ma forse ne percepì la dolcezza, perché fece qualcosa che non aveva mai fatto prima. Scese dal corpo di Marco, allargò le gambe poggiando i piedi ai lati della testa del giovane e con sensuale lentezza discese verso il suo viso fino a sfiorare con il suo sesso la punta del naso di Marco. Restò in quella posizione per alcuni eccitanti momenti, poi si sedette sul suo petto e discese trascinando la sua eccitazione fino all’inguine di lui..
Sabato, 10 Gennaio 2004 09:06

Le regole del gioco

Scritto da
Aveva deciso di affidarsi ad una mistress dopo aver riflettuto a lungo su se stesso. I suoi pensieri e le fantasticherie di mortificazioni e il desiderio di essere davvero umiliato, dopo che per molto tempo erano repressi per la vergogna, alla fine lungo andare erano esplosi, tanto da non lasciargli altra via di scampo che decidersi a viverli.
Martedì, 30 Dicembre 2003 19:00

Appunti sparsi

Scritto da
Ti ho ordinato di metter su della musica, ed ho danzato sul tuo corpo, selvaggia, libera e pienamente donna come non mi ero mai sentita, senza quasi accorgermi del piacere e della sofferenza che t’infliggevo...
Venerdì, 26 Dicembre 2003 01:18

La Cena della Valle - Seconda Parte -

Scritto da
Solleva il suo piedino poggiando il lungo tacco a spillo sulla mia spalla; il brivido che mi percorre è così intenso che quasi me ne vergogno, mentre mi volto per leccare la caviglia con la punta della lingua...
Giovedì, 25 Dicembre 2003 12:52

La Cena della Valle - Prima Parte -

Scritto da
Accavallo le gambe inguainate in eteree calze di seta. I i lacci dei miei sandali si arrampicano sulle caviglie come edera nera e sottile ornata da piccole pietre dure in un arcobaleno di colori...
Domenica, 21 Dicembre 2003 19:42

Il fine settimana di Helene

Scritto da
Helene lo vedeva inquieto ed era quasi sicura che ne avesse di nuovo voglia. E scoppiava a ridere, facendosi vento con il palmo della mano davanti agli occhi, come a cacciare dei moscerini fastidiosi.
Domenica, 21 Dicembre 2003 12:31

Helene

Scritto da
In piedi, la tracolla poggiata sul cofano spiava il messaggino fresco, fresco arrivato: c’era un riflesso impertinente da quel lato e doveva spostarsi. Fragole luminose e struggenti fiori di mandorlo, nel tuo mattino che si sveglia, Helene...
Mercoledì, 19 Novembre 2003 20:43

Il cliente

Scritto da
- Giochiamo al dottore ed all'ammalato... - No grazie, credo di riuscire a sopravvivere. Probabilmente il mio sorriso è stato notato e male interpretato: infatti devo rifiutare in rapida successione un invito a prendere un caffè e un invito a pranzo. Certo che a volte basta molto poco per accendere vane speranze in voi maschietti...
Sabato, 15 Novembre 2003 14:56

Per un'amica

Scritto da
Il suono sgradevole del telefono la svegliò. Non guardò subito l’ora, era notte, ed il telefono che squilla la notte non porta mai buone novelle. - Pronto? Dall’altra parte una serie di suoni confusi, un misto di pianto e di nomi pronunciati da una voce femminile la investì...
Sabato, 08 Novembre 2003 14:44

Alina (Venice 2° Parte)

Scritto da
...Un attimo può essere lungo come l’eternità. Un attimo di desiderio è tutti i colori dell’universo. Un attimo di dolore è una voragine senza fondo...
Layouts
Colors