Italian English
Domenica, 21 Dicembre 2003 13:39

Sabina

Scritto da  vince
Vota questo articolo
(0 Voti)
Sabina, moderatrice nel forum di Mistress Destiny. Sabina è mistero ed il mistero è desiderio. Il desiderio vive in ogni mistero e lei è mistero assoluto. Sabina...

Chi è Sabina? O Saby. O Sab. Parlo di Sabina naturalmente moderatrice nel forum di Mistress Destiny. Sabina è mistero ed il mistero e il desiderio. Il desiderio vive in ogni mistero e lei è mistero assoluto. Sabina. I suoi piedi calzati sui corpi nudi. Confesso che in “Venice” che ho utilizzato una sua confidenza.
...La voglia inconfessabile, fin da bambina. Il corpo nudo di un uomo.
Quello che so di lei. Se c’è una cosa che Saby non ama per niente è il calcio. Però adora i Who ed un album che si chiama “Live at Leeds” Abbiamo fatto una volta un collage con le sue foto ed è stata una delle primissime cover di “Tribune”, con l’affiche di “Prima pagina” un vecchio film di Billy Wilder, con Jack Lemmon e Walter Matthau... Le cose che so di lei.
...Sono alta 1,70 circa e sono intorno ai 60 kg (ma sono ingrassata e voglio ritornare presto ai miei "vecchi" 53-52) ...scendendo dal letto poso di solito prima il piede sinistro... Per quanto riguarda il piede: normalmente porto il 38, però ci sono alcuni modelli di scarpe o stivali che mi fanno preferire il 39 per stare più comoda. Il voto che assegnerei ai miei piedi è un 7-, li trovo un po' troppo magri... e comunque ne ho visti di più belli... Mi piace sul serio camminare sul corpo di un uomo e sono stata io a far partecipe il mio uomo di questo "mondo" Noto che in genere tutti gli uomini sembrano più o meno attratti quantomeno dalle calzature che indosso e quindi un commento ci scappa quasi sempre... La parte di un uomo che mi attizza di più è il culo, se si può dire...
Il mistero di Sabina. Le sue rare confidenze. Quella che ho utilizzato per il racconto.

***

“La solitudine e la musica. I sogni. E le altre cose. I desideri ricorrenti che nascondeva in fondo e ritrovava nei sogni dai colori inquietanti. La voglia inconfessabile, fin da bambina. Il corpo nudo di un uomo. Il suo passo sicuro a sentirne la carne.”

***

Sabina ascolta “Live at Leeds”. Sabina che ama i Who. Ci sono altre cose che invece ignoro di lei. E tante.

***
Sabina: Ti piacerebbe parlare con me facendomi da poggiapiedi, Vince? Ti pare abbastanza?
Diavolo dei Girondini, Sabina che ti usa come poggiapiedi. Cosa si può desiderare di più dalla vita? Quello che so di lei... E’ romana, o almeno vive a Roma.
...nella zona dovrebbero esserci ancora le mie impronte: una delle mie migliori amiche ha abitato per lungo tempo in via Magna Grecia e ho un'altra coppia di amici verso villa Fiorelli. Io sto dalle parti di Monte Mario... Comunque pur abitando a Roma da molti anni, "tecnicamente" non posso essere considerata romana... diciamo che la mia origine è quasi padana... solo geograficamente però!!!
Sulla rotta dell’Emilia. Magari incontrare Saby, in treno. Uno di quei treni con gli scompartimenti chiusi. Viaggiare con lei, da soli.

***

...Erano nel passaggio tra due carrozze. Con un gesto improvviso gli aprì la cerniera dei pantaloni. Infilò la mano nei suoi boxer e prese il suo sesso. Gli venne un brivido quando lo strinse una volta e poi un’altra senza smettere di cercare i suoi occhi...

***

Sabina: Ah, sei carino steso lì a terra con l'aria spaurita...
Vince: Che colonna sonora useresti mentre mi tieni sotto di te?
Sabina: Dipende dai momenti, dall'umore... in questo momento potrebbe essere la sinfonia n 4 di Tchaikovsky...

***

- Mi desideri molto, vero?
La sua Signora sconosciuta. Sabine. Il dolore, il dolore regalato da lei… Guardò per un momento il nastro di seta poi lo sciolse e con un gesto elegante sbottonò la camicina e lo legò al collo come un foulard sottile. Era un nastro bordeaux e spiccava sulla sua pelle chiara.


***

Vince: Dai, faccio il serio e ti domando un po’ di cosine… Prima cosa studiavi.
Sabina: Uhm... mi sono laureata in Lettere e Filosofia e poi ho un fatto un periodo di ricerca ad Edimburgo.
Vince: Il libro che ti ha fatto perdere la testa.
Sabina: Difficile rispondere, non sono mai riuscita a distillare una lista di libri irrinunciabili inferiore ai 30 titoli. Ti dico le prime cose che mi vengono in mente: le tragedie di Shakespeare, il Decameron, i Canti di Leopardi, i Fiori di Baudelaire, Rilke, T.S. Eliot, Poe, Virginia Woolf ... vedi non ce la faccio a scegliere.
Vince: E dai, l'album che ti porteresti all'inferno.
Sabina: Questa domanda da per scontante alcune cose: per esempio che io creda all'inferno e dunque alla resurrezione e alla vita eterna... e in ogni caso tu mi vedresti già dannata... Me ne ricorderò: comunque qui è anche più difficile rispondere. Diciamo che il cd che sto ascoltando di più in questi giorni è l'ultimo dei Red Hot Chili Peppers.
Jack Frusciante è tornato nel gruppo…
Vince: La prima volta che qualcuno è stato sotto di te.
Sabina: Aspetta. Credo da bambina, d'estate: al mare avevo un amichetto con il quale passavo molto tempo a raccontare storie, fantasie... lui si sdraiava sulla panchina in giardino e io stavo tutto il tempo seduta sulla sua pancia. Sono i primi ricordi che affiorano.

***

Ma poi Sabina si chiude a riccio ed altro non racconta.

***

...I sogni. E le altre cose. I desideri ricorrenti che nascondeva in fondo e ritrovava nei sogni dai colori inquietanti. La voglia inconfessabile, fin da bambina. Il corpo nudo di un uomo. Il suo passo sicuro a sentirne la carne...
Letto 3714 volte Ultima modifica il Mercoledì, 23 Maggio 2012 12:45
Layouts
Colors