Italian English
Venerdì, 03 Luglio 2009 16:41

Lo ZERO e l'ASSOLUTA - il degrado di un uomo - 2a parte

Scritto da  cashdog
Vota questo articolo
(0 Voti)
..sguattero prima di risistemare tutto questo casino vieni qui! Ho voglia di un bel massaggio ai piedi prima di andare a dormire! Questa sera sei stato bravo. Sono stata orgogliosa della professionalità ma soprattutto della dedizione e devozione che mi hai dimostrato pubblicamente. Meriti un premio. Tieni, leccali ed annusali...
Arrivò quella sera..... la casa era perfetta, pulita, profumata, elegante, fiorita, la tavola ben imbandita....
Durante la cena, che fu di ottimo gradimento per tutte, fui professionale ed ossequioso con le amiche, e scodinzolante con la mia padrona che non perdeva occasione per darmi ordini perentori godendosi la mia devota obbedienza..... Al momento del caffè, seduta nel divano con le amiche mi guarda..
- è stata una giornata faticosa, sono stanca e avrei bisogno di un bel massaggio..
Subito mi metto alle sue spalle e comincio a massaggiarle nuca e spalle con le amiche che guardano invidiose..... dopo un pò dice..
-però avevo detto un beeel massaggiooo..
E stiracchia i piedi.
Felice come un bambino mi inginocchio ai suoi piedi, le sfilo delicatamente le scarpe e comincio a massaggiarle i suoi deliziosi piedini con le amiche che guardano incredule.
Finchè sto ancora massaggiando una delle amiche mi guarda e chiede..
- mi diceva Maruska che saresti disponibile per i lavori domestici per qualche ora settimanale..
- Si signora!
-E quanto sarebbe il tuo compenso orario?
Prima che potessi rispondere lei mi mette un piede sulle labbra e risponde al posto mio..
- A me chiede 30 ¤. all'ora. Considerata la sua professionalità dubito che possa chiedere di meno!!"
Entrambe le amiche accettano e mi assumono come domestico..... Dalla prossima settimana, tranne qualche ora di sonno ed il tempo per mangiare qualcosa, avrei lavorato sempre dalla mattina alla sera, domeniche e feste comprese..... un vero e proprio schiavo moderno.
Le amiche la salutarono, si accordarono tra loro per i miei orari ed impegni domestici e mi diedero appuntamento alla settimana successiva.
Si risedette sul divano..
- sguattero prima di risistemare tutto questo casino vieni qui! Ho voglia di un bel massaggio ai piedi prima di andare a dormire! Questa sera sei stato bravo. Sono stata orgogliosa della professionalità ma soprattutto della dedizione e devozione che mi hai dimostrato pubblicamente. Meriti un premio. Tieni, leccali ed annusali...
-Grazie padrona!! sono lusingato dei suoi complimenti! E poi questa sera è stata molto astuta nel comunicare la mia tariffa oraria.... non avrei mai immaginato di guadagnare tanto!! grazie davvero!
- Prego sguattero! Si sono astuta! Ma mi sa che non hai capito niente! Tu guadagnerai comunque 15 come avevamo deciso.. La restante parte, il 50% sarà per me. Anche in questo caso tu lavorerai e suderai ed io guadagnerò senza faticare.. capito slave? ahahahaha..
.. e mi poggia un piede sulla cerniera dei pantaloni.....
- ma vedo che tutto questo non ti dispiace o sbaglio?
- Non sbaglia padrona. Sono eccitatissimo. Adoro essere usato e sfruttato da lei.... lavorare per contribuire sempre di più al suo lusso e alla sua ricchezza è diventata la mia ragione di vita
-Bene moneyslave.... vedi che ti capisco e che faccio di tutto per renderti felice!! Ora sono veramente stanca. Vado a letto. Tu sistema tutto per bene e per questa sera dormi nel divano perchè domattina al mio risveglio voglio la colazione pronta ed un bel bagno caldo..... andrai a lavorare un più tardi. Troverai una scusa. Notte slave!
-Sogni d'oro padrona.

E così iniziò una nuova vita ancora più piena di lavoro….. il lavoro in ufficio, i lavori dalla mia padrona ed ora anche i lavori presso le sue amiche…. Erano sempre più soddisfatte ed esigenti, chiedendo sempre più impegno e più ore.
Ogni settimana mi lasciavano una busta con la mia paga che mi era proibito aprire. La dovevo portare direttamente alla mia padrona che l’apriva davanti a me mentre ero ai suoi piedi.
Era un gioco che la eccitava moltissimo….
-bene sguattero…. Vediamo quanto ha prodotto il mio operaio questa settimana?? Bene, bene!! Ecco metà sono miei, e l’altra metà sono per te…. Domani versali nel conto che ho visto delle scarpe che ti piaceranno tantissimo! Appena andrai in negozio a prendermi il regalo non vedrai l’ora ti tornare da me per essere calpestato da quei tacchi!!.
Sapeva che era un gioco che eccitava tantissimo anche me…..
-Ora massaggiami che ho avuto una dura giornata…….”
Una di quelle sere mentre la massaggiavo..
- È già un’ora che mi stai massaggiando…. E in questo periodo stai lavorando tantissimo…. Chissà come sei stanco!!”
-Per lei non sono mai stanco padrona!
Si mette seduta, mi mette un piede sul viso e con l’altro mi massaggia la cerniera dei pantaloni…
-caro il mio schiavetto. Adori così tanto la tua padrona? Davvero riesci ad avere sempre energie per servirmi ed occuparti di me?..
poi massaggiando più forte e premendo sulla cerniera..
Allora se alla sera ti rimangono ancora così tante energie…. Voglio che aumenti le ore di lavoro dalle mie amiche…. Così la tua padrona guadagnerà ancora di più grazie alle tue fatiche… Non vuoi che la tua padrona diventi sempre più ricca? Mi adori tanto da fare anche questo per me?…
Stavo esplodendo sotto il suo piede….
-si padrona! Lo voglio! Mi eccita pensare di sfinirmi di lavoro per lei, pensare di lavorare e sudare pensando intanto a lei seduta e rilassata che aspetta i suoi guadagni
-mi hai fatta bagnare slave. Ho le mutandine zuppe!
Le sfila
-Tieni ti faccio un regalo! Annusa anche questi miei odori, questi umori. Voglio che inspiri a fondo e che ti entri dentro anche questo odore. Mentre l’odore dei piedi è legato alla devozione, alla cura della tua padrona…. Voglio che associ questo odore al lavoro, al sacrificio per la tua dea.
- Si padrona!
Inspiro a pieni polmoni. E’ un profumo fantastico, inebriante, ipnotizzante. Sarà per me una sorta di droga che mi darà la forza e le energie anche nei momenti di maggiore stanchezza!”
-Bravo… mi piace! Voglio che quando vai dalle mie amiche le porti in tasca con te, ed ogni tanto ti fermi ad annusarle pensando alla tua padrona e trovando nuove energie! Lo vedi come sono buona, ti ho procurato anche le vitamine!!
-Grazie padrona! Lei è sempre così premurosa con me...
..e mi inginocchio a baciarle i piedi con devozione .
Trascorsero dei mesi nei quali lavoravo in ufficio, lavoravo dalla mia padrona, lavoravo per la padrona dalle sue amiche e poi una volta terminata la giornata a tardissima sera tornavo dall’Assoluta le consegnavo il suo guadagno giornaliero e finalmente potevo riposare e prendermi cura…………… delle sue membra, stanche per la giornata faticosa trascorsa tra riposo, shopping, amiche, istituti di bellezza e università per diletto, ed occuparmi del suo relax e benessere.
Quasi tutte le sere prima di congedarmi la padrona decideva di premiare tanta devozione:
-in questo periodo sei molto bravo schiavetto. Svolgi il tuo lavoro alla perfezione, non mi fai mancare niente, ti prendi cura del mio corpo, e contribuisci ad aumentare il mio conto. Ho deciso di premiare questa tua devozione. Sei contento?”
Io sapendo oramai quale sarebbe stato il mio premio “Cosa ha visto la mia regina? Che regalo desidera dal suo devoto schiavo?”
“Desideri tanto essere premiato? Fammi sentire quanto lo desideri? Adorami, voglio che mi adori!! Struscia a i miei piedi e fammi le fusa come un gattino, scodinzola come un cagnolino davanti alla sua padrona” e intanto mi faceva sentire i suoi tacchi, le sue suole, i suoi piedi e tutto i loro odori e profumi di devozione….. ed esprimeva il desiderio.
A volte scarpe che “vedrai quanto ti piacerà stare sotto quei tacchi”
altre stivali “mi piacerà moltissimo cavalcarti con quelli”
altre vestiti eleganti e seducenti “immaginami mentre lavori seduta all’università a sedurre tutti studenti e professori”.
La richiesta e la qualità dei regali aumentavano di settimana in settimana e nonostante lavorassi moltissimo faticavo a sostenerli.
Una sera tardi le stavo facendo il bagno….. “ti piaccio schiavo? Guarda com’è bella la tua padrona…. In questo periodo mi sono affaticata tanto sai? Avrei bisogno di una vacanza, di un po’ di relax…. Mi piacerebbe trascorrere qualche giorno in una BeautyFarm….. ne conosco una stupenda in Toscana…. Però siccome in quei giorni mi mancheranno moltissimo le tue amorevoli cure mi piacerebbe che in qualche modo tu potessi rimediare”
“Cosa posso fare per lei? Come posso accontentarla?”
“Mi piacerebbe che fossi tu a regalarmela, ad occuparti di tutto. Prenotazione, scelta della camera, scelta dei trattamenti…. Ovviamente sai che desidero sempre il meglio e che non merito altro vero??”
“Lo consideri già fatto… avrà il meglio che possono offrire”
La mattina seguente mi collegai ad internet e prenotai: la suite con vasca idromassaggio in camera, tutti i tipi di trattamenti possibili, un’auto di lusso con autista a sua disposizione per il tempo libero e chiesi infine che nella sua camera ogni giorno fossero preparati vasi di fiori freschi e cesti di frutta…… doveva essere la principessa della farm.
Ovviamente diedi gli estremi della mia carta di credito.
Qualche giorno dopo mi telefonò il direttore della Banca per dirmi che il mio conto era in passivo e che per farmi una cortesia aveva autorizzato un fido per coprirlo…. Gli dissi di non preoccuparsi che nel giro di qualche giorno avrei provveduto a regolare il tutto.
La sera stessa…..
“oggi sei strano slave. Sembri triste. E’ successo qualcosa?”
“niente di grave padrona… ho solo avuto una brutta giornata”
“Hai qualcosa lo sento…. E’ una cosa seria?? Stai per caso male? Mi sto preoccupando…. Puoi dirlo alla tua padrona”
“Ho una sorpresa per lei…. “ e le consegna la brochure con quanto prenotato alla beautyfarm…
“è una bellissima sorpresa…. Vuoi dirmi che non ti eccita ed elettrizza fare felice la tua padrona? La sola ragione della tua vita?”
“Si padrona sono entusiasta , felice, eccitato e non finirò mai di ringraziarla ed adorarla per avermi permesso di condurre la mia vita ai suoi piedi, vivendo solo per lei. Io la adoro. Lei oramai è la mia ragione di vita…. Ed è per questo che stasera sono triste.”
“non riesco a seguirti”
“ho paura e nello stesso tempo mi vergogno a dirglielo….. vabbè fuori il rospo…. Confido nella sua benevolenza. I giorni scorsi le ho prenotato questo regalo e stamani mi ha telefonato il direttore della banca per dirmi che il conto era in rosso e….”
“e allora? Vieni qui e tieni il muso finchè sei qui con me per queste sciocchezze. Pensi che a me interessi? Non me ne importa nulla! Anzi mi eccito ancora di più se so che il tuo conto è andato in rosso per soddisfare me”
Sempre più umiliato “Nnno! Lllo lo soo. E’ che mi ha anche detto che non può farmi altri fidi e che devo ripianare questo il prima possibile e….”
“E che c’entro io? Cominci a rompermi. Vendi qualcosa, lavora di più, arrangiati”
“Lo farei volentieri padrona….. ma….. tranne 6 ore di sonno al giorno le altre 18 ore sono tutte impegnate al lavoro come lei ben sa, e anzi colgo l’occasione per ringraziarla per avermi trovato così tanto lavoro in questo periodo….. se non avessi incontrato lei non so come sarei messo ora…. Forse sarei già sotto un ponte”
“Ahahahaha!! si è vero sei stato davvero fortunato. Da quando mi hai incontrata il mio conto sta lievitando….. non avresti potuto trovare un’altra donna che ti sapesse usare e sfruttare come me…. E tu era questo che volevi vero?? Sono la tua fortuna per davvero!! Ahahahah”
“Si dentro di me c’era tutto questo e lei mi ha aiutato a farlo uscire e gliene sarò per sempre grato……”
“per quanto riguarda il vendere ho già venduto tutto. Dando completamente a lei il mio stipendio, la mia metà di ciò che guadagno dalle sue amiche mi serviva a malapena per sopravvivere. E pertanto per esaudire i suoi desideri, e renderla felice regalandole tutto ciò che mi chiedeva ho pian piano venduto tutto. L’auto è venduta, i mobili non ci sono più…. Dormo in un materasso, cucino con un fornellino da campeggio, uso scatoloni come guardaroba. Non ho più niente da vendere….”
“basta schiavo!! Mi stai facendo morire di eccitazione! Sono tutta bagnata. Mi eccita tantissimo sapere che hai fatto tutto questo per me, sapere che ti sei ridotto così, cha hai rinunciato a tutto per me, per adorarmi….. Vieni qui. Inginocchiati!” Si alza, sfila i pantaloni, con la mano sugli slip asciuga completamente i suoi umori, lentamente li toglie e me li mette in bocca. Poi con aria voluttuosa si siede, mi appoggia i piedi con ancora le scarpe sulle spalle ed inizia a toccarsi davanti al mio sguardo… “dimmi slave……
“dov’è che dormi?” “In un materasso” “siiiiiiiiiiii”
“cosa mangi?” “sottomarche di scatolette del discount, e quando va male niente” “mmmhhh. Mi fai morire!!”
“con cosa cucini?” “con un fornellino da campeggio” “mmmhh daiiiiiiii”
“come ti sposti?” “in bicicletta” “sto quasi per venire schiavo!”
“dimmi che tutto questo ti piace” “mi fa impazzire padrona. Sono felice di aver donato la mia vita a lei”
mi prende la faccia e me la preme sul suo bacino “vengoooo. Senti come ecciti e fai felice la tua padrona. Bevi tutti i miei umori e fai di tutto per eccitarmi sempre così!! Voglio che diventino la tua droga, che tu non possa più farne a meno. Ma voglio che tu sappia anche che per averli devi eccitarmi, e per eccitarmi devi donarmi tutto te stesso, devi donarmi la tua vita”.
“sono già in astinenza padrona!!”….. mi spinge con i piedi e mi allontana….. mi butto ai suoi piedi e scoppio in lacrime “sono un fallito padrona…. Lei mi concede tutto questo ed io non riuscirò ad esaudire i suoi desideri per un po’ di tempo, non potrò accontentarla. Dovrò negarle mio malgrado delle richieste…. Dove ho sbagliato? Dove me lo dica?”
“cosa devo sentire? Mi sto davvero arrabbiando?” Si alza in piedi e con i tacchi monta sul dorso delle mie mani appoggiate a terra con tutto il suo peso…. “tu non sei un fallito. Tu sei uno ZERO! D’ora in poi ti chiamerò cosi….. Zero”
“si ha ragione padrona. Ho sbagliato, mi punisca”
preme ancora di più con il peso conficcando i tacchi facendo uscire sangue dalle povere mani del suo schiavo, ma già la sua perfida e diabolica mente ha un piano “certo che ti punisco! Che altro dovrei fare con te! Ti ho trovato per strada che non eri nulla, ti ho dato una ragione di vita, ti ho trovato anche più lavori e questo sarebbe il tuo ringraziamento…. Vai via non ti voglio più vedere!!”
Le abbraccio le gambe e piango come un bambino “NO!! Non mi allontani! Farò qualunque cosa lei voglia! La prego mi permetta di essere ancora il suo schiavo sguattero. Non se ne pentirà glielo prometto. Non sbaglierò più”
“Ci penserò Zero…. Intanto vattene e torna domattina….. vediamo se riesco a trovare una soluzione ai tuoi problemi. Sono troppo buona con te lo sai vero?” “Grazie mia padrona assoluta. Grazie!!” “Si per te io dovrò essere l’assoluto anzi l’ASSOLUTA. Mi piace!!”…….. continua
Letto 5773 volte Ultima modifica il Mercoledì, 23 Maggio 2012 12:45
Layouts
Colors