Italian English
Domenica, 17 Agosto 2003 17:10

Jackie Brown

Scritto da  mayfair
Vota questo articolo
(0 Voti)
La scena è già di culto: cala il silenzio, si apre il sipario e, tra due lingue di fuoco, appare lei; poi la musica parte e lo spettacolo comincia. E' una visione celestiale e demoniaca insieme...
Non si può negare l'interesse di Tarantino per i piedi femminili, quando c'è lui di mezzo può capitare che nel bel mezzo del film esca Salma Hayek vestita solo di un gigantesco boa albino e di poco altro, e che non si possa far altro che innamorarsi perdutamente di lei. La scena è già di culto: cala il silenzio, si apre il sipario e, tra due lingue di fuoco, appare lei; poi la musica parte e lo spettacolo comincia. E' una visione celestiale e demoniaca insieme. Solo a numero concluso si può ricominciare a tirare il fiato. Naturalmente, mentre tutti, dentro e fuori lo schermo, l'ammirano estasiati muoversi suadente sulle note di "after dark" di Tito & Tarantola, lei si dirige proprio verso il buon vecchio Quentin, in definitivo stato catatonico, e lì pensa bene di ficcargli un piede in bocca! Anche in Pulp Fiction Uma Thurman girava scalza per casa, con la macchina da presa ad indugiare su quelle nudità. Perché Tarantino è uno di noi, conosce e condivide tutte queste nostre piccole, deliziose, ossessioni. Ma con Jackie Brown va oltre, non si limita a regalarci qua e là immagini come chicche da conservare preziose, ma delinea un personaggio femminile che troneggia su tutti gli altri attraverso il suo potere sessuale e mentale, di razionalità complessa e multiprospettica, ben difficile da seguire per i prevedibili personaggi maschili, eccetto in parte per colui che se ne innamorerà all'istante, ma non riuscirà comunque alla fine a seguirla.

Titolo Film: Jackie Brown
Anno: 1997, USA
Genere: Noir
Tratto da: dal romanzo "Rum Punch" di Elmore Leoanrd
Regia: Quentin Tarantino
Attori: Pam Grier (Jackie), Samuel L. Jackson (Ordell), Robert Forster (Max Cherry), Bridget Fonda (Melanine), Michael Keaton (Ray Nicolette), Robert De Niro (Louis)
Soggetto: Elmore Leonard
Sceneggiatura: Quentin Tarantino
Fotografia: Guillermo Navarro
Musiche: Joseph Julian Gonzales

Tarantino non vuole essere ingabbiato dai propri tratti cinematografici essenziali, per evitare che questi diventino noiosi cliché; non a caso, all'uscita di questa pellicola, il regista aveva esortato critica e pubblico affinché non lo si identificasse frettolosamente in uno specifico regime stilistico dopo soli tre film. Dopo Pulp Fiction, decide di reinventarsi. Con Jackie Brown il regista si prefigge lo scopo di contaminare i tratti più puri del noir con elementi propri del "black" cinema anni '70; e così si orienta al recupero di quel filone definito, a suo tempo, come "Blaxploitation", che vedeva alla ribalta il black power attraverso ben identificate figure di anti-eroi. Jackie arrotonda l'esiguo stipendio di hostess contrabbandando denaro negli Stati Uniti per conto del trafficante d'armi Ordell Robbie. Tutto procede bene, fino al giorno in cui un agente del Servizio che controlla l'importazione di armi e alcool, Ray Nicolette, e un poliziotto di Los Angeles, la incastrano all'aeroporto e l'arrestano. Intanto Ordell pensa che è giunto il momento di ritirarsi dagli affari ma per farlo ha bisogno di recuperare illegalmente 500 mila dollari lasciati in Messico. Si rivolge allora a Max Cherry, esperto e comprensivo garante di cauzioni, che riesce a far scarcerare Jackie. Prima di farla andare via però, gli agenti la costringono a collaborare per incastrare Ordell, minacciando di rimetterla dentro in caso di rifiuto. Ora Ordell chiede a Jackie di aiutarlo a riprendere i soldi, e lo stesso fa con l'amico Louis Gara, appena uscito di prigione. A casa di Ordell, dove si incontrano, c'è l'amante di lui, Melanie, bionda e svanita, dai piedi inanellati ed offerenti davanti al naso di Louis. Max, dal carattere malinconico e propenso a smetterla col lavoro, rimane immediatamente affascinato da Jackie, che si accorge della cosa e con il suo appoggio architetta un piano coraggioso e rischioso per prendersi gioco dei due contendenti (Ordell da un lato, le forze dell'ordine dall'altro). Eccoci all'episodio culminante, cioè la consegna del denaro contrabbandato, che Tarantino ci racconta da tre diversi punti di vista: quello di Jackie che vuole prendersi i soldi fregando i due contendenti; quello di Louis e Melanie, che dovrebbero essere d'appoggio a Ordell, ma diventano facile strumento del piano di Jackie. Louis, se pur cede alla sessualità di Melanine, non si fida di lei che continua a ridicolizzarlo; esasperato, la uccide; ma è a sua volta ucciso da Ordell, quando si rende conto che Louis intento a controllare Melanie non si rende conto dell'importanza della presenza di Max (l'altro punto di vista) sul luogo della consegna. Ma questo non è sufficiente a far capire ad Ordell in quale trappola sta per cadere. Va all'ufficio di Max per farsi consegnare i soldi da Jackie, incontra invece le pallottole delle forze dell'ordine che preso lui poco si curano di dove siano finiti i soldi. Tre giorni dopo Jackie è pronta a partire con i soldi per la Spagna. Chiede a Max di seguirla, ma lui all'ultimo momento non trova la forza per lasciare tutto e accompagnarla.
Letto 2582 volte Ultima modifica il Mercoledì, 23 Maggio 2012 12:45
Layouts
Colors