Italian English
Sabato, 17 Aprile 2004 20:00

Feet Tribune visto da Blue

Scritto da  Redazione
Vota questo articolo
(0 Voti)
Estratto della recensione su Feet Tribune scritta dal mensile "Blue" nel mese di marzo... Un sito diverso e un pò speciale, per i footfetishers intellettuali e le anime inquiete che cercano un approccio diverso con la loro passione. Si chiama Feet Tribune Daily News, e come il nome ben suggerisce, è pro­prio questo, un quotidiano on-line interamente centrato sui footfetish...
Estratto della recensione su Feet Tribune scritta dal mensile "Blue" nel mese di marzo...

Clicca qui per vedere la scansione

II nostro footfetish quotidiano
II sito-giornale di Vince il filosofo

Un sito diverso e un po' speciale, per ì footfetishers intellettuali e le anime inquiete che cercano un approccio diverso con la loro passione. Si chiama Feet Tribune Daily News, e come il nome ben suggerisce, è pro­prio questo, un quotidiano on-line interamente centrato sui footfetish. Lo tro­vate all'indirizzo www.feettribune.com. A gestirlo è Vince, personaggio sui gene­ris della costiera amalfitana, che ha for­temente voluto e successivamente realiz­zato un progetto originale; un giornale di­gitale che conserva tutte le caratteristiche del linguaggio cartaceo, quasi interamen­te testuale e pieno di sezioni, articoli, rac­conti, recensioni, segnalazioni film e tv, annunci, messaggi, in pratica tutto ciò che vi aspettereste di trovare in una rivista e che difficilmente sarebbe reperibile in un sito web. D'altronde Vince è un letterato, un uomo colto e pieno di inquietudini, cattedratico di filosofia, fotografo, incan­tatore di fanciulle, scrittore e lui stesso en­tusiasta e devoto amante dei piedi fem­minili. Al punto da scriverne un romanzo dalla copertina immediata­mente rivelatrice. "Al diavolo dei Giron­dini" narra la storia di Ghigò, rampollo di famiglia nobile e appassionato adoratore di estremità, e dei suoi viaggi spazio-tem­porali in un tortuoso percorso di sangue e passione fino all'origine del suo fetici­smo, della sua casta, della cristianità. E il sito di Vince, in realtà, è altrettanto complesso, pieno di sfumature e sugge­stioni, riferimenti colti e non, citazioni letterarie e filosofiche, un sito per raffi­nati ed esteti feticisti che cercano, come lo stesso Vince suggerisce, "La casa ele­gante per tutti quelli che non si ritrova­no nella banalità".
Ma è anche una zona aperta che si ali­menta di contributi da parte dei lettori, e spinge quindi spesso questi ultimi a di­ventare i veri protagonisti del giornale, stimolando le loro vanità creative e feti-ciste, e anche il loro esibizionismo. "Gli inizi sono stati difficoltosi" ci rac­conta. "Dopo la prima versione del sito, che pure aveva riscosso un discreto suc­cesso, abbiamo avuto dei problemi che ci hanno costretto a una sparizione di tre mesi. Abbiamo dovuto ricominciare tut­to da capo, ma a quel punto avevamo già un gruppo di fedelissi-mi estimatori che ci hanno aiutato a rimet­terlo in piedi. Adesso abbiamo una redazione vera e propria, e ci de­dichiamo anima e cor­po a questo progetto, che sta diventando piuttosto impegnativo, ma che ci da tante soddisfazioni. Prima di tutte, quella di co­statare che le nostre previsioni erano esat­te; il footfetisher è spesso un esteta, un cu­rioso, ha un'indole complessa e quindi vuole qualcosa di più di semplici foto­grafie statiche e prive di voce. Noi gli of­friamo delle vie di comunicazione diver­se, con i nostri racconti, le recensioni dei film a contenuto fetish, i video delle sce­ne che sono diventate un culto per gli amanti dei piedi femminili... insomma un approccio forse un po' preten­zioso, ma che si sta rivelando sempre più in­teressante. E i progetti sono molteplici; pri­ma di tutto ar­ricchire il sito "visivamente"con gallerie fotografiche delle nostre ami­che e collaboratrici. E poi rinforzare il concetto di "community" attraverso il no­stro forum e cercare di essere presenti con feste, presentazioni, incontri. La nostra festa del 24 gennaio a Casalpusterlengo, ad esempio, è stata un vero successo, e speriamo di farne altre con una certa fre­quenza."
Questo è un dato interessante. Tutti voi che mi scrivete in cerca di feste footfetish, non sapendo dove trovarle, adesso ave­te un riferimento certo ed affidabile. So da chi vi ha partecipato che queste riu­nioni sono all'insegna del buon gusto e dell'ospitalità, e pare che tutti si sentano a proprio agio e siano particolarmente soddisfatti del trattamento ricevuto dal­le affascinanti e deliziose partecipanti, delle entusiaste del trampling. Nel sito di Vince ci si può addirittura organizzare per i passaggi. Adesso non avete più scuse.
Letto 4855 volte Ultima modifica il Mercoledì, 23 Maggio 2012 12:45
Layouts
Colors